Le cuffie Sony WH-CH500 nelle tre colorazioni disponibili.

Quest’oggi mi trovo a scrivere la recensione delle cuffie Sony WH-CH500, che ho avuto l’occasione di provare per una settimana, sostituendole alle mie Bose QuietComfort 35 II, mie inseparabili compagnie che uso da ormai un anno.

Ovviamente un confronto tra i due prodotti non ha molto senso, quindi mi limiterò a parlarvi delle Sony da me provate.

Carine, leggere e abbastanza comode

Tirate fuori dalla scatola, che include cavo micro-USB di ricarica e la manualistica, le cuffie si presentano in tre possibili colorazioni: nero, grigio o blu.

Niente da ridire sull’estetica: sono carine da vedere e oggettivamente il loro design è abbastanza classico, da cuffie sovraurali, e ovunque le si indossa non si rischia di fare brutta figura. Il problema di queste cuffie però è un altro.

Le Sony WH-CH500 sono leggere e questo, in combinazione con i padiglioni morbidi e in similpelle, aumenta la comodità; ma la leggerezza è in realtà anche il preludio della scarsa qualità dei materiali di costruzione: le cuffie sono realizzate in una plastica leggera che dà l’impressione di essere troppo fragile.

Le Sony WH-CH500 nella colorazione nera.

Per il resto, le WH-CH500 hanno un archetto regolabile e i padiglioni girevoli possono assumere una forma piatta, caratteristica utile per agevolarne il trasporto. Tutto sommato risultano comode da indossare e garantiscono un buon comfort anche dopo ore di utilizzo. Essendo cuffie sovraurali possono dar fastidio però a chi indossa gli occhiali.

Funzionano bene?

Il collegamento è facile e veloce, grazie al Bluetooth 4.2 e al NFC, quest’ultimo sempre gradito e molto pratico. La connessione con il device però non è delle migliori: è capitato che l’audio desse problemi pure nell’arco dei 10 metri di portata massima dichiarata dal produttore.

Le cuffie wireless entry-level di Sony hanno dei driver compatti da 30 mm con magnete in ferrite che, secondo il produttore, garantiscono una risposta in frequenza di 20 Hz – 20.000 Hz (con campionamento a 44,1 kHz).

Al di là delle specifiche su carta, il suono delle cuffie è sufficiente. Niente di più o di meno. I bassi in alcuni casi non bastano quando servono. Gli alti e i medi sono un po’ impastati tra loro, ma nel complesso vanno bene e si sentono in modo chiaro. Il volume invece è limitato e sotto questo punto di vista si poteva fare molto di meglio.

Sì, vanno bene per tutti i giorni, ma non abbiate troppe pretese

Rispondo alla domanda di prima. Vanno bene? Sì, se cercate un paio di cuffie wireless entry-level per tutti i giorni che siano abbastanza confortevoli, le Sony WH-CH500 vanno bene.

Le Sony WH-CH500 indossate.

Hanno una batteria con una buona durata (circa 15 ore di utilizzo secondo i nostri test) e un audio sufficiente per chi non ha esigenze particolari o troppe pretese. Due caratteristiche che le rendono una soluzione economica per l’utilizzo di tutti i giorni.

Personalmente non le comprerei, ma per chi vuole spendere poco e si accontenta di poco, vanno bene. Consigliate a chi è diffidente rispetto ai tanti marchi cinesi presenti su Amazon, ma comunque vuole rimanere nella stessa fascia di prezzo.

A proposito di prezzo. Nel momento in cui scrivo questa recensione, il prodotto è in offerta su Amazon.it a 24,90 Euro, contro gli oltre 50 di listino.

CONCLUSIONI
Audio
5
Batteria
9
Design
6,5
Qualità/prezzo
7
CONDIVIDI
Articolo precedenteUna casa smart per tutti, con Xiaomi
Articolo successivoHuawei EMUI 10: primo fra tutti il P30

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Scrivi qui il tuo nome